Form@re - Open Journal per la formazione in rete https://oaj.fupress.net/index.php/formare <p><em>Form@re</em> è un periodico quadrimestrale che si propone di raccogliere&nbsp;ricerche ed esperienze didattiche, in particolare sui seguenti&nbsp;argomenti: ricerca educativa fondata su evidenza, principi e metodi&nbsp;dell’'istruzione, innovazione della scuola, tecnologie&nbsp;nell’'insegnamento e apprendimento, media education, didattica e inclusione, didattiche disciplinari, competenze di base e trasversali,&nbsp;e-learning, knowledge management, lifelong learning.</p> <p>Nel 2013 <em>Form@re</em> è stato ceduto dalla casa editrice Erickson al&nbsp;Dipartimento di Scienze della Formazione e Psicologia dell’Università&nbsp;di Firenze.<br><em>Form@re</em> è rivista scientifica di Classe A per il settore concorsuale 11/D2, secondo la classificazione ANVUR.</p> Firenze University Press en-US Form@re - Open Journal per la formazione in rete 1825-7321 <p><a href="https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0/" target="_blank" rel="license noopener"><img src="//i.creativecommons.org/l/by-nc-nd/4.0/88x31.png" alt="Creative Commons License"></a></p> <p>This work is licensed under a <a href="https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0/" target="_blank" rel="license noopener">Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License</a>.</p> Educational conditions and inclusion processes https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/13066 <p>Condizioni educative e processi di inclusione</p> Francesca Bracci Giovanna Del Gobbo Daniela Frison Laura Menichetti Copyright (c) 2022 Francesca Bracci, Giovanna Del Gobbo, Daniela Frison, Laura Menichetti https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 1 11 10.36253/form-13066 Parallelisms, synergies and contradictions in the relationship between Special Education, Gifted Education and Inclusive Education https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12659 <p>Special Education and Gifted Education are two theoretical and research areas that have developed in parallel: the former dealing primarily with pupils with disabilities and other special educational needs, the latter with a small percentage of high-ability students. Although Gifted Education can be considered as part of the broader field of Special Education, it is a separated branch in terms of both methods and aims. Nevertheless, the two areas share the dominant debate about school inclusion, as a common direction in contemporary education. With reference to national and international research, the article contains a parallel reflection on historical, normative, theoretical and operative aspects of Special and Gifted Education, with the aim of identifying the critical issues concerning both fields as well as their possible developments in relation to Inclusive Education.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Parallelismi, sinergie e contraddizioni nel rapporto tra Special Education, Gifted Education e Inclusive Education</h3> <p>La Pedagogia Speciale e la Gifted Education sono due settori che si sono sviluppati parallelamente: il primo occupandosi principalmente dei soggetti con disabilità e altri bisogni educativi speciali, il secondo di un’esigua percentuale di studenti con capacità elevate. Sebbene la Gifted Education possa essere considerata una branca della più ampia Special Education, essa si configura come autonoma sia per metodi che per scopi ma non del tutto avulsa dal dibattito dominante verso cui tendono tutte le istanze educative contemporanee: l’educazione inclusiva. Il contributo affronta dal punto di vista della ricerca nazionale e internazionale l’intersecarsi di questioni storiche, normative, teoriche e operative tra Pedagogia Speciale e Gifted Education allo scopo di individuare i nodi critici e i percorsi possibili per una confluenza nell’ambito dell’Inclusive Education.</p> Silvia Dell'Anna Francesco Marsili Copyright (c) 2022 Silvia Dell'Anna, Francesco Marsili https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 12 29 10.36253/form-12659 Self-assessment and self-improvement as inclusive school development https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12645 <p>What are the strengths and weaknesses in the cultures, management policies and organizational practices that make an educational institution inclusive? This is the question we try to answer with this investigation, using the comparative element between the Italian and the Catalan school systems. This work is based on three theoretical frameworks: inclusive education in coherence with the Disability Studies approach; autonomy and leadership for inclusion and the self-evaluation and self-improvement processes as an inclusive school development in accordance with the perspective proposed by the Index for Inclusion. Field research reveals that the relevant legislation plays a crucial role and schools must regain a pedagogical thought in which organizational practices and management policies are based on inclusive cultural and value-based foundations.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Autovalutazione e automiglioramento come sviluppo inclusivo della scuola</h3> <p>Quali sono i punti di forza e di debolezza nelle culture, nelle politiche gestionali e nelle pratiche organizzative che rendono inclusiva un’istituzione scolastica? Il contributo cerca di rispondere a questa domanda, anche attraverso la comparazione tra il sistema scolastico italiano e quello catalano, basandosi su tre quadri teorici: l’educazione inclusiva secondo l’approccio dei <em>Disability Studies</em>; l’autonomia e la <em>leadership</em> per l’inclusione; i processi di autovalutazione e automiglioramento come sviluppo inclusivo della scuola in relazione alla prospettiva proposta dall’<em>Index for Inclusion</em>. Dalla ricerca sul campo emerge che la legislazione di riferimento gioca un ruolo cruciale e la scuola deve riconquistare un pensiero pedagogico in cui pratiche organizzative e politiche di gestione siano fondate su basi culturali e valoriali inclusive.</p> Marianna Piccioli Copyright (c) 2022 Marianna Piccioli https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 30 48 10.36253/form-12645 Accessibility to textual resources for people with Intellectual Disabilities within cultural spaces https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12588 <p>This paper addresses the issue of accessibility to written information in cultural spaces for people with intellectual disabilities (ID). The main goal is to present a process aimed at creating <em>Easy-to-Read</em> (EtR) texts. Two groups of participants with different levels of ID – moderate (N=7) and severe (N=7) – have been actively involved in the process of simplification of written resources within the Natural Science Museum, site in Trieste. We analyze the process that serve to create EtR textual resources functional for people with ID showing different levels of reading and comprehension abilities. By using an <em>Inclusive Research</em> approach, the contribution underlines the importance to include the voice of people with disabilities in the process of transformation of social and cultural spaces.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Accessibilità alle risorse testuali per le persone con Disabilità Intellettiva all’interno degli spazi culturali</h3> <p>Questo articolo affronta la questione dell’accessibilità alle informazioni negli spazi pubblici per le persone con disabilità intellettive. L’obiettivo principale è quello di presentare un processo volto a proporre comunicazioni comprensibili e informative supportate da testi semplificati. Due gruppi di partecipanti con diversi livelli di disabilità intellettiva – moderata (N=7) e grave (N=7) – sono stati attivamente coinvolti nel processo di semplificazione delle risorse scritte all’interno del Museo di Scienze Naturali, sito a Trieste. Il disegno di ricerca è un metodo misto che comprende la raccolta di dati sia quantitativi che qualitativi volti ad esplorare criteri di leggibilità e comprensibilità delle risorse testuali considerando diversi livelli di semplificazione. Il contributo sottolinea l’importanza di includere la voce delle persone con disabilità nel processo di trasformazione degli spazi sociali e culturali.</p> Marilina Mastrogiuseppe Stefania Span Elena Bortolotti Copyright (c) 2022 Marilina Mastrogiuseppe, Stefania Span, Elena Bortolotti https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 49 63 10.36253/form-12588 Teachers with disabilities: a systematic review of the international literature https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12138 <p>Despite an increasingly heterogeneous student population, the teaching staff is still characterized by a high level of homogeneity and the under-representation of teachers with disabilities. Research on the issue is also quite limited. To fill this knowledge gap, in this article we present a systematic review conducted by selecting primary studies published between 1990 and 2018 investigating the experiences of teachers with disabilities. The 32 included studies were evaluated in terms of methodological rigor and analyzed through thematic analysis, from which 9 categories emerged. The latter highlight the full potential of these teachers, both in terms of teaching effectiveness and greater understanding of special needs in the classroom, but at the same time they underline the complexity of their careers in learning settings, still partly permeated by ableism and discriminatory practices.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Insegnanti con disabilità e DSA: una revisione sistematica della letteratura internazionale.</h3> <p>Pur a fronte di una popolazione studentesca sempre più eterogenea, il corpo docente è ancora caratterizzato da una forte omogeneità e dalla sottorappresentazione di insegnanti con disabilità/DSA. Anche la ricerca sul tema è assai limitata. Per colmare questo gap conoscitivo, in questo articolo presentiamo una <em>systematic review</em>, condotta selezionando gli studi primari pubblicati tra il 1990 e il 2018 sulle esperienze di docenti con disabilità/DSA. I 32 studi inclusi sono stati valutati dal punto di vista del rigore metodologico e analizzati mediante un’analisi tematica, da cui sono emerse 9 categorie. Queste ultime mettono in luce tutto il potenziale di questi insegnanti, sia sul fronte dell’efficacia didattica che della maggiore comprensione dei bisogni speciali in classe, ma allo stesso tempo sottolineano la complessità delle loro carriere in setting di apprendimento ancora in parte permeati da una cultura abilista e da pratiche discriminatorie.</p> Rosa Bellacicco Dario Ianes Vanessa Macchia Copyright (c) 2022 Rosa Bellacicco, Dario Ianes, Vanessa Macchia https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 64 88 10.36253/form-12138 Learning mathematics with tools: the mediation role of the teacher https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12628 <p>Recognizing the relevance of the construction of knowledge by the learners, a complex educational problem concerns the movement from individual activities towards sharing and institutionalizing mathematical knowledge. Teacher’s role is crucial: how to manage the movement from a task to the evoked mathematics? We face this problem in the specific case of tasks involving digital tools; we focus our attention on the actions performed by teachers while orchestrating collective discussion, on the effects of such actions on the evolution of mathematical meaning discussed, and on the sharing of those meanings between the students. A single case study exemplifies the presented theoretical framework to show how, through the chosen lenses, we can evidence teacher’s actions during the collective discussion.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Apprendere la matematica con gli strumenti: il ruolo di mediazione dell’insegnante.</h3> <p>In una prospettiva didattica che privilegia il momento costruttivo di un sapere da parte dell’allievo, un problema didattico molto complesso riguarda il passaggio dalle attività individuali alla condivisione e alla istituzionalizzazione di un sapere matematico. Il ruolo dell’insegnante è cruciale: come gestire il passaggio dalla esecuzione di un compito alla Matematica che tale attività evoca? Affrontiamo questo problema nel caso particolare di compiti che richiedono l’uso di strumenti tecnologici, focalizzando la nostra attenzione sulle azioni che l’insegnante compie nell’orchestrare la discussione collettiva e sull’effetto che queste possono avere sia sull’evoluzione dei significati matematici oggetto della discussione, sia sulla condivisione di tali significati tra gli studenti. Lo studio di un singolo caso esemplifica il quadro teorico e mostra come, attraverso le lenti di analisi scelte, si possa mettere in evidenza l’agito dell’insegnante nella discussione.</p> Maria Alessandra Mariotti Andrea Maffia Copyright (c) 2022 Maria Alessandra Mariotti, Andrea Maffia https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 89 105 10.36253/form-12628 Representation of disability within the school textbook: primary school teachers’ attitudes https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12559 <p>The school textbook is a cultural artefact capable of conveying a particular cultural and social imagery that clearly affects the attitudes of teachers and learners towards disability. This paper presents an exploratory-descriptive study that aims to investigate the attitudes of primary school teachers towards the representation of disability within the school textbook. Correlation between attitudes and teaching qualifications and experience were also sought. For this purpose, a questionnaire was constructed starting from macro-themes that emerged from semi-structured interviews during the previous qualitative phase. Findings have shown that teachers, while aware of the low educational value of the textbook and the scarcity of images and texts related to disability, have positive attitudes towards inclusive representation, use and design of materials related to special needs. Finally, teachers with the specialization for support activities were found to have more positive attitudes towards the representation and management of materials representing the reality of disability.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Rappresentazione della disabilità nei libri di testo: gli atteggiamenti degli insegnanti della scuola primaria.</h3> <p>Il libro di testo scolastico costituisce un artefatto culturale che veicola un particolare immaginario destinato ad influenzare le percezioni di insegnanti e alunni. L’articolo presenta uno studio esplorativo-descrittivo che mira ad investigare gli atteggiamenti dei docenti nei confronti della rappresentazione della disabilità all’interno dei libri di testo scolastici. A tale scopo è stato costruito un questionario ad hoc a partire dai macro-temi emersi dalle interviste semi-strutturate durante la precedente fase qualitativa. La ricerca mostra che gli insegnanti, pur consapevoli dello scarso valore educativo del libro di testo e della scarsità di immagini e testi relativi alla disabilità, hanno atteggiamenti positivi nei confronti della rappresentazione inclusiva e delle competenze personali nella gestione di materiali relativi alla realtà dei bisogni speciali. Gli insegnanti in possesso della specializzazione per le attività di sostegno, infine, tendono ad avere atteggiamenti più positivi nei confronti della rappresentazione della e dell’utilizzo di immagini e testi disabilità all’interno dei libri di testo rappresentanti la disabilità.</p> Fabio Filosofi Angela Pasqualotto Paola Venuti Copyright (c) 2022 Fabio Filosofi, Angela Pasqualotto, Paola Venuti https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 106 119 10.36253/form-12559 The project No one is left behind: teaching educational research https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12700 <p>School closures due to COVID-19 have brought significant disruptions to education. Service-learning interventions have offered significant opportunities to reduce and reverse the long-term negative effects and to empower the recovery process of pupils in difficulty. The study was carried out with 869 students enrolled in the Primary Education Sciences master’s degree course at the University of Palermo. The participants have been involved in the planning and implementation of targeted educational courses designed for the “fragile” pupils from 33 different schools in Palermo. The primary level pupils were provided with a total of 60,000 hours of recovery and learning enhancement activities in remote mode. Challenging teaching activities fostered cognitive and learning development of the pupils and responsibility in teaching educational research.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Il progetto <em>Nessuno resta indietro</em>: formazione alla ricerca didattica.</h3> <p>La chiusura delle scuole che ha provocato un incremento significativo della povertà educativa ha sollecitato l’opportunità di progettare interventi integrati di <em>service learning</em> per favorire il recupero e il potenziamento dei minori in difficoltà. 869 studenti del Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Formazione Primaria dell’Università degli Studi di Palermo, sono stati coinvolti nella progettazione e nella realizzazione di percorsi didattici mirati, rivolti agli alunni “fragili” di 33 scuole palermitane. Complessivamente sono state erogate 60,000 ore in DAD di attività di recupero e di potenziamento dell’apprendimento di alunni della scuola primaria di Palermo. Le attività didattiche sfidanti hanno favorito la stimolazione cognitiva e lo sviluppo della motivazione per l’apprendimento degli alunni e la responsabilità nella formazione alla ricerca didattica.</p> Alessandra La Marca Leonarda Longo Copyright (c) 2022 Alessandra La Marca, Leonarda Longo https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 120 137 10.36253/form-12700 Covid, distance education and families. The Italian case within the international survey on family support to learning processes https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12130 <p>The COVID pandemic had countless repercussions on the family system, starting with the need to support young people in distance education training. Family and school realities have had to find new ways of relating with mutual overlap. Investigating how family members supported the learning of their children/grandchildren aged 6-16 was the aim of the international research activity coordinated by the University of Bath (UK). This contribution intends to account for the Italian data by exploring the possible relationships between the potential vulnerability factors of the pre-covid household and the activities that can be considered protective and supportive factors for households. The aim is not only to understand which competences and network systems have been activated in a period of exceptional gravity, but rather not to disperse, but on the contrary to enhance, those processes that have proved useful especially in fragile contexts.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Covid, DAD e famiglie. Il caso italiano in un’indagine internazionale sul sostegno familiare ai processi di apprendimento.</h3> <p>La pandemia di COVID ha avuto innumerevoli ripercussioni sul sistema famigliare a partire dalla necessità di supportare i giovani nelle attività di formazione in DAD. Le realtà familiari e scolastiche hanno dovuto trovare nuove modalità di relazione con un reciproco sconfinamento. Indagare come i membri della famiglia hanno sostenuto l’apprendimento dei loro figli/nipoti dai 6 ai 16 anni è stato l’obiettivo dell’attività di ricerca internazionale coordinata dall’università University di Bath (UK).Il presente contributo intende dar conto dei dati italiani esplorando le possibili relazione tra i fattori potenziali di vulnerabilità della famiglia pre-covid e le attività che possono essere considerate fattori di protezione e di supporto per i nuclei familiari. Non si tratta soltanto di comprendere quali competenze e sistemi di rete, sono stati attivati in un periodo di eccezionale gravità, quanto piuttosto non disperdere, ma al contrario valorizzare, quei processi che si sono dimostrati utili soprattutto nei contesti di fragilità.</p> Sara Mori Silvia Panzavolta Alessia Rosa Copyright (c) 2022 Sara Mori, Silvia Panzavolta, Alessia Rosa https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 138 151 10.36253/form-12130 Prevent and counter bullying and cyberbullying through the SEP device: sensitize, educate, protect. Results of an investigation https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12601 <p>This paper focuses on an investigation into the complex phenomenology of bullying and cyberbullying behaviour, focusing actions of contrast and treatment within a preventive perspective of inclusive education capable of designing multi-level strategies. The paper presents the results of a collaborative research-training project with a network of Apulian secondary schools and the consequent design of the educational device for the prevention and treatment of the phenomenon (the SEP device: sensitise, educate, protect) useful for dealing with the phenomena from a pedagogical point of view. The device allows to develop an observational and receptive posture concerning the behavioural prodromes and to accept the complexity of the phenomena adopting multiple-levels educational choices.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Prevenire e contrastare bullismo e cyberbullismo attraverso il dispositivo SEP: sensibilizzare, educare, proteggere. Risultanze di un’indagine.</h3> <p>Il presente contributo mette a tema un’indagine sulla complessa fenomenologia dei comportamenti di bullismo e cyberbullismo, focalizzando le azioni di contrasto e di cura entro una prospettiva preventiva di didattica dell’inclusione in grado di progettare strategie a più livelli. Nel contributo si presentano le risultanze di una ricerca-formazione collaborativa avviata con una rete di scuole secondarie di I e II grado pugliesi e la conseguente progettazione del dispositivo di educazione alla prevenzione e cura del fenomeno (il dispositivo SEP: sensibilizzare, educare, proteggere) utile a fronteggiare i fenomeni in chiave pedagogica. Il dispositivo consente di assumere una postura osservativa e ricettiva dei prodromi comportamentali e di accogliere la complessità dei fenomeni adottando scelte educative a più livelli articolate in un approccio adattivo inclusivo costruito sul contesto e rivolto all’intero gruppo e non solo alla diade bullo-vittima.</p> <p>These are articulated in an inclusive adaptive approach built on the context and aimed at the entire group and not just on the bully-victim dyad. The concept of inclusion, indeed, is closely linked to education to “active citizenship”, understood as responsible participation in building a civil society and requires action that involves the entire school community and families.</p> Loredana Perla Ilenia Amati Rosa Palermo Copyright (c) 2022 Loredana Perla, Ilenia Amati, Rosa Palermo https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 152 168 10.36253/form-12601 Assist towards success: a project for inclusion (through) digital https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12426 <p>Numerous studies attest, in a convergent manner in different countries, the effects on minors of the pandemic period, especially on those in educational poverty. This condition requires articulated projects, centered on emerging needs, based on research and supported by a network on the territory. The <em>Assist towards success</em> program was created to include lower secondary school students, for whom the pandemic has meant a significant loss of learning opportunities. The interventions envisaged a targeted use of technologies and the involvement of trainees in Education, trained in remote cognitive mediation strategies. This choice also promoted in future professionals specific skills in school support; transversal skills and responsibility towards the needs of the territory. The implementation strategies of the <em>Assist</em> program and its effectiveness outcomes can constitute a model for future planning, within an educational world that has been profoundly renewed by the health emergency.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Un Assist verso il successo: un progetto per l’inclusione (attraverso il) digitale.</h3> <p>Numerosi studi attestano, in maniera convergente in diversi Paesi, gli effetti del prolungarsi della pandemia sui minori, specie se in condizione di povertà educativa. Tale condizione necessita di progetti articolati, centrati sui bisogni emergenti, fondati sulla ricerca e supportati da una rete sul territorio. Il programma <em>Un Assist verso il successo</em> è nato per garantire l’inclusione degli studenti della scuola secondaria di I grado, per i quali la pandemia ha significato la perdita importante di opportunità di apprendimento. Gli interventi sperimentali hanno previsto un uso mirato delle tecnologie e il coinvolgimento di tirocinanti di Scienze dell’educazione, formati sulle strategie di mediazione cognitiva a distanza. Tale scelta ha anche promosso nei futuri professionisti competenze specifiche nel sostegno scolastico; abilità trasversali e responsabilizzazione rispetto ai bisogni del territorio. Le strategie di realizzazione del programma <em>Assist</em> e gli esiti di efficacia dello stesso possono costituire un modello per progettazioni future, in un mondo educativo profondamente rinnovato dall’emergenza sanitaria.</p> Barbara Bruschi Paola Ricchiardi Emanuela M. Torre Copyright (c) 2022 Barbara Bruschi, Paola Ricchiardi, Emanuela M. Torre https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 169 187 10.36253/form-12426 Educational and training conditions of learning environments: quality control standards in the school https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12607 <p>The development of forms of monitoring of educational systems has meant to account for the functioning of educational organizations. In the evaluation, the methods of measuring quality have become the structural articulation of each organized system. The need was felt to use interactive management methods, capable of promoting continuous quality control, also through a systematic verification of results and feedback produced by users. The text analyzes similar organizational methods in educational contexts, where actions are affirmed to improve the quality of the service, through the use of indicators, with the aim of defining training standards for quality learning environments. The concept of effectiveness and improvement intersect in the ESI project, where schools from European countries were able to share the identifying elements for educational change.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Condizioni educative e formative degli ambienti di apprendimento: gli standard di controllo della qualità nella scuola.</h3> <p>Lo sviluppo di forme di monitoraggio dei sistemi educativi ha inteso dar conto del funzionamento delle organizzazioni educative. Nella valutazione le modalità di misurazione della qualità sono divenute l’articolazione strutturale di ogni sistema organizzato. Si è avvertita la necessità di utilizzare metodi di gestione interattivi, in grado di promuovere il controllo continuo della qualità, anche attraverso una sistematica verifica dei risultati e del <em>feedback</em> prodotto dagli utenti. Nel testo si analizzano simili modalità organizzative nei contesti educativi, dove si affermano azioni per il miglioramento della qualità del servizio, attraverso l’utilizzo di indicatori, con l’obiettivo di definire standard formativi per ambienti di apprendimento di qualità. Il concetto di efficacia e di miglioramento si incrociano nel progetto Esi, dove scuole dei paesi europei hanno potuto condividere gli elementi indentificativi per il cambiamento educativo.</p> Vincenzo Scalcione Copyright (c) 2022 Vincenzo Scalcione https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 188 202 10.36253/form-12607 Towards shared meanings. The co-construction of the educational pact as an inclusive process: a field experience https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12613 <p>Produced by the intervention of the social service, by decree of a court, entry into a residential community for minors is a traumatic event in the life of a boy. The community itself is a pre-established system, made up of rules and spaces, established times and activities, and of intense relationships with professionals. None of this is the result of a decision, of a participation, of a subjectification on the part, first of all, of the subject of education who is the boy himself. The institutional task risks being limited to protection rather than triggering a path of inclusion and development: paradoxically, the time and space of socio-educational intervention can become an experience of deeper exclusion and stagnation. What educational conditions, therefore, can initiate and help processes of effective inclusion? The article proposes a specific pedagogical tool, the educational pact as an educational experience of subjectivation and inclusion of the child.</p> <p><span style="vertical-align: inherit;"><span style="vertical-align: inherit;">&nbsp;</span></span></p> <h3>Verso significati condivisi. La co-costruzione del patto educativo come processo inclusivo: una esperienza di campo.</h3> <p>Prodotto dall’intervento del servizio sociale, per decreto di un tribunale, l’<em>ingresso</em> in una comunità residenziale per minori è un evento traumatico nella vita di un ragazzo – inteso come segmento sociale costituito da maschi di età 11–21. La comunità stessa è un sistema precostituito, fatta di regole e spazi, tempi e attività stabilite, e di rapporti intensi con professionisti. Niente di tutto questo è l’esito di una <em>decisione</em>, di una <em>partecipazione</em>, di una <em>soggettivazione </em>da parte, innanzitutto, del soggetto dell’educazione che è il ragazzo stesso. Il compito istituzionale rischia di limitarsi alla protezione piuttosto che innescare un percorso di inclusione e di sviluppo: <em>paradossalmente</em> il tempo e lo spazio dell’intervento socio-educativo possono diventare un’esperienza di più profonda esclusione e stagnazione. Quali condizioni educative dunque possono avviare e aiutare processi di effettiva inclusione? L’articolo propone uno strumento pedagogico specifico, il <em>patto educativo</em> come esperienza educativa di soggettivazione e inclusione del ragazzo.</p> Vincenzo Salerno Stefano Pegorin Copyright (c) 2022 Vincenzo Salerno, Stefano Pegorin https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 203 216 10.36253/form-12613 Creativity and educational practices. Towards a model of development of critical and creative skills https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12955 <p>This article proposes a reflection on the development of an educational model to promote creative thinking skills specifically addressed to students who are preparing for teaching professions. The reasons underlying this interest are related to recognizing: (1) creativity, also in light of the development of technologies, as one of the most requested and rewarded skills compared to the professional scenarios that are taking shape; (2) the centrality that future professionals working in school institutions have in forming global citizens who are able to move in a world that is constantly changing, helping to make it more inclusive, socially cohesive, sustainable and productive. A practice-based, cultural, and distributed perspective is adopted to the study of creativity that assumes it both as a social, cultural and contextualized process and as a set of skills implemented through discursive and collaborative constructions of tasks, solutions and innovations within daily interactions.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Creatività e professioni educative. Verso un modello di sviluppo di competenze di pensiero critico e creativo.</h3> <p>L’articolo propone una riflessione sullo sviluppo di un modello didattico per promuovere competenze di pensiero creativo specificatamente indirizzato a studenti e studentesse che si preparano alle professioni educative e di insegnamento, iscritti cioè a CdS L-19, LM-85, LM-57, LM-85 bis. Le ragioni sottese a questo interesse sono riconducibili al riconoscere: (1) la creatività, anche alla luce dello sviluppo delle tecnologie, come una delle abilità più richieste e premiate rispetto agli scenari professionali che si vanno configurando; (2) la centralità che futuri professionisti/e operanti nelle istituzioni educative e scolastiche hanno nel formare cittadini/e globali che siano capaci di muoversi in un mondo che cambia continuamente, contribuendo a renderlo più inclusivo, socialmente coeso, sostenibile e produttivo.&nbsp;È adottata una prospettiva <em>practice-based</em>, culturale e distribuita allo studio della creatività che la assume sia come processo sociale, culturale e contestualizzato sia come <em>set</em> di competenze messe in atto attraverso costruzioni discorsive e collaborative di compiti, soluzioni e innovazioni all’interno delle interazioni quotidiane.</p> Francesca Bracci Copyright (c) 2022 Francesca Bracci https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 217 228 10.36253/form-12955 Inclusion processes for persons with intellectual disability through multiple negotiation networks https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12568 <p>This article explores multiple aspects of the inclusion processes related to the CRPD (Convention on the Rights of persons with disabilities) implementation process carried out in Asti (NW Italy) between 2016 and 2020. For the purpose of this article, data have been collected regarding the work of social work professionals, who supported individuals and families following the methodology of “enabling co-design”. The results show the necessity to allow interventions that create a support network to achieve full and equal citizenship, rethinking the transition to adult life through new epistemological categories that make it possible to overcome, both in theory and in practice, what is currently defined as a special adulthood. This goal may be achieved by adopting approaches that are more coherent with the scenario defined by the approval of the CRPD for the rights of persons with disabilities.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Processi di inclusione per persone con disabilità intellettiva attraverso le reti negoziali multiple.</h3> <p>Questo articolo esplora molteplici aspetti dei processi di inclusione relativi al percorso di attuazione della CRPD svolto ad Asti tra il 2016 e il 2020. Ai fini del presente articolo sono stati raccolti dati relativi al lavoro degli operatori che hanno sostenuto persone con disabilità e famiglie seguendo l’approccio della coprogettazione capacitante. I risultati mostrano la necessità di promuovere interventi che creino una rete di supporto per raggiungere una cittadinanza piena e paritaria, ripensando il passaggio alla vita adulta attraverso nuove categorie epistemologiche che permettano di superare, sia in teoria che in pratica, ciò che è attualmente definito come un adulto speciale. Questo obiettivo può essere raggiunto adottando approcci più coerenti con lo scenario definito dall'approvazione della CRPD per i diritti delle persone con disabilità.</p> Natascia Curto Cecilia Maria Marchisio Copyright (c) 2022 Natascia Curto, Cecilia Maria Marchisio https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 229 244 10.36253/form-12568 Access to Career Education and Work-related Learning: a complex literature review on equity and inclusion https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12845 <p>The study presents a systematic literature review based on relevant articles at a national and international level and focused on equity and inclusion in the access to Career Education (CE) and Work-Related Learning (WRL) Opportunities. The systematic review was carried out following a defined process and the research identified 22 papers, 7 conceptual and 17 empirical. The study aims to identify factors that can facilitate or hinder access to CE and WRL and strategies by schools and universities to improve it.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Accesso a Career Education e Work-Related Learning: una analisi complessa della letteratura su equità e inclusione.</h3> <p>Il contributo presenta un’analisi sistematica della letteratura rintracciata a livello nazionale e internazionale con l’obiettivo di indagare i temi di equità e inclusione nell’accesso a programmi, progetti, interventi di Career Education (CE) e Work-Related Learning (WRL). I criteri di selezione adottati hanno condotto all’identificazione di 22 contributi, 7 concettuali e 15 empirici. Lo studio intende identificare fattori che possono facilitare o ostacolare l’accesso a CE e WRL e strategie che scuole e università possono attivare per incoraggiarlo.</p> Daniela Frison Copyright (c) 2022 Daniela Frison https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 245 261 10.36253/form-12845 Career planning, proactivity, self-employability, and labour market: undergraduates’ perceptions https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12602 <p>The paper presents empirical research carried out at the university of Padova. It investigates the association between students’ perceptions of the current state of the labour market, and students’ self-perceived employability, career proactivity, career control and positional advantages. It also explores the students’ career planning and its association with some contextual and personal predictors. 2.834 students took part in the survey. Findings show that students with a more positive vision of the labour market reported higher scores in self-perceived employability, career control, and less proactive career attitudes. Some implications are reported.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Pianificazione della carriera, proattività, Self-Employability e mercato del lavoro: percezioni di studenti universitari.</h3> <p>L’articolo presenta una ricerca empirica svolta presso l’università di Padova. Indaga la relazione tra le percezioni degli studenti sullo stato attuale del mercato del lavoro e dell’employability percepita dagli studenti, la proattività, il controllo della carriera e i vantaggi delle posizioni. Esplora anche la pianificazione della carriera degli studenti e la sua relazione con alcuni predittori contestuali e personali. All’indagine hanno preso parte 2.834 studenti. I risultati mostrano che gli studenti con una visione più positiva del mercato del lavoro hanno riportato punteggi più alti in termini di employability percepita, controllo della carriera e attitudini alla carriera meno proattivi. Si riportano alcune implicazioni.</p> Concetta Tino Monica Fedeli Copyright (c) 2022 Concetta Tino, Monica Fedeli https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 262 278 10.36253/form-12602 The role of educational conditions in defining migratory potential: the case of the young people of the Ivory Coast https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12860 <p>The paper is part of the international debate on the theme of human mobility with a transversal and developing educational perspective in the field of Migration Studies. It presents a research work carried out in Ivory Coast on the potential educational dimension of migration related to the search for better living and working opportunities. We discuss the results related to the study of the educational conditions of a potential migrant subjects, considered as variables that affect the conformation of the migration aspiration and allow a better understanding of the situations in which the birth of the desire to leave can occur, regardless of the presence or absence of the ability to migrate. The research followed a qualitative-quantitative approach in line with the methodological framework of Mixed Methods Research, adopting an exploratory-sequential design, arriving at the construction of a transferable model of analysis of the migratory potential which is composed of four main categories: migration project, educational conditions, migratory aspiration and learning potential. The aim of this paper is to present the results to the second category.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Il ruolo delle condizioni educative nella definizione del potenziale migratorio: il caso dei giovani della Costa d’Avorio.</h3> <p>Il contributo si colloca all’interno del dibattito internazionale sul tema della mobilità umana con una prospettiva educativa trasversale e in divenire nell’ambito dei Migration Studies. Si presenta un lavoro di ricerca realizzato in Costa d’Avorio sulla dimensione formativa potenziale della migrazione legata alla ricerca di migliori opportunità di vita e di lavoro. Nello specifico vengono discussi i risultati relativi allo studio delle condizioni educative di un pubblico potenziale migrante, considerate come variabili che incidono nella conformazione dell’aspirazione migratoria e che permettono una maggiore comprensione delle situazioni in cui può verificarsi la nascita del desiderio di partire, a prescindere dalla presenza o meno della capacità di emigrare. La ricerca ha seguito un approccio quali-quantitativo in linea con l’impianto metodologico dei <em>Mixed Methods Research, </em>adottando un disegno di tipo esplorativo-sequenziale, arrivando alla costruzione di un modello di analisi del potenziale migratorio trasferibile e composto da quattro categorie principali: progetto di migrazione, condizioni educative, aspirazione migratoria e potenziale di conoscenza. Ai fini del presente lavoro, vengono qui presentati i risultati relativi alla seconda delle quattro categorie.</p> Francesco De Maria Copyright (c) 2022 Francesco De Maria https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 279 296 10.36253/form-12860 Inclusion/exclusion: an educational challenge https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12664 <p>Exclusion/inclusion in education are terms generally referring to situations of hardship in the disabled, individuals with special educational needs&nbsp;or in conditions of marginalization. In the wake of original French sociological research, in-depth reflections have been devoted to this theme. Enriching the pedagogical vocabulary on exclusion is the first step to circumscribe the problem and start positive actions to break down social and educational exclusion barriers. The result is an articulated and linguistically updated picture of the problem if the goal is, as we hope, to use the tools to lower the threshold of indifference in a political and educational line of inclusion and material and cultural redemption.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Inclusione/esclusione: una sfida pedagogica.</h3> <p><em>Esclusione</em><em>/inclusione&nbsp;</em>in pedagogia sono termini generalmente riferiti a situazioni di disagio in portatori di handicap, oppure soggetti con difficoltà di apprendimento (BES), o in condizioni di emarginazione. Arricchire il lessico pedagogico sull’esclusione rappresenta il primo passo per circoscrivere il problema e di qui avviare azioni positive per abbattere gli steccati dell’esclusione sociale ed educativa. A questo tema e sulla scia di originali ricerche di ambito sociologico francese sono state dedicate approfondite riflessioni. Ne è uscito un quadro articolato e linguisticamente aggiornato del problema se l’obiettivo è, come ci si augura, usare gli strumenti per abbassare la soglia dell’indifferenza in una linea politica ed educativa di inclusione e riscatto materiale e culturale.</p> Andrea Cegolon Copyright (c) 2022 Andrea Cegolon https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 297 307 10.36253/form-12664 Rethinking the didactic-educational space: suggestions for promoting school inclusion https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12609 <p>The central role played by space within the educational field, considered as a prerequisite for action, redefines the didactic experience through the meanings of design and organization, implying a systemic relationship between teacher, learner and contexts. The aim of this paper is to reflect upon the meanings of <em>space</em>, <em>spatiality</em>, <em>accessibility</em> and the opportunity to prepare educational and didactic places in which the inclusion of each and every one can be promoted, including pupils with complex communication needs. Indeed, for those pupils the absence of language, a partial or not very functional use of language can represent a limitation to well-being, an obstacle to activity and an impediment to participation to school context.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Ripensare lo spazio didattico-educativo: suggestioni per promuovere l’inclusione scolastica.</h3> <p>Il ruolo centrale dello spazio in ambito educativo, inteso come presupposto dell’azione, riconfigura l’esperienza didattica nei significati di progettazione e di organizzazione, implicando una relazione sistemica tra docente, discente e ambiente. L’obiettivo di questo lavoro è di riflettere sui significati di <em>spazio, spazialità, accessibilità </em>e sull’opportunità di predisporre luoghi dell’educazione e della didattica nei quali favorire l’inclusione di tutti e di ciascuno, ivi compresi, gli alunni con bisogni comunicativi complessi (BCC) nei quali l’assenza del linguaggio, un uso parziale o poco funzionale può costituire una limitazione al benessere, un ostacolo all’attività e un impedimento alla partecipazione nel contesto scolastico.</p> Michela Galdieri Diana Carmela Di Gennaro Copyright (c) 2022 Michela Galdieri, Diana Carmela Di Gennaro https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 308 321 10.36253/form-12609 Learning environments that enhance students’ cognitive functioning https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12606 <p>A general rethinking of the school system is underway. Today, the purpose of school is to prepare students for rapid change and the complexity of reality so that they are not overwhelmed. Executive cognitive functions have been shown to be fundamental to this purpose, specifically thoughtful planning of an idea, reflexivity, systematic approach to a task/problem, and the ability to stay focused. These are the skills that tomorrow's leaders will need (Diamond and Lee, 2011). But what theoretical and instructional models exist that aim to develop the cognitive skills necessary to succeed in school and in life? How and to what extent are the pedagogical principles of these models reflected in the organization of the physical learning space? This paper aims to trace some of the methods that promote the development of executive cognitive skills and examine how they organize the learning space.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Ambienti di apprendimento che potenziano il funzionamento cognitivo degli studenti.</h3> <p>È in atto un ripensamento generale del sistema scolastico. Oggi la finalità della scuola è di preparare gli studenti ai rapidi cambiamenti e alla complessità del reale in modo che non ne siano travolti. Fondamentali a questo scopo si sono rivelate le funzioni cognitive di tipo esecutivo, in particolare la pianificazione mentale di un’idea, la riflessività, la sistematicità nell’affrontare un compito/problema e la capacità di rimanere concentrati. Queste sono le competenze di cui avranno bisogno i leader di domani (Diamond &amp; Lee, 2011). Ma quali sono i modelli teorici e didattici che si propongono di sviluppare le competenze cognitive necessarie per avere successo a scuola e nella vita? Come e in che misura i principi educativi di questi modelli si riflettono sull’organizzazione dello spazio fisico di apprendimento? Questo contributo si propone di ripercorrere alcuni tra i metodi che favoriscono lo sviluppo di competenze cognitive di tipo esecutivo e di indagare come organizzano lo spazio formativo.</p> Cristina Vedovelli Copyright (c) 2022 Cristina Vedovelli https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 322 339 10.36253/form-12606 From the physical learning spaces to the virtual classroom: the role of the teacher in the digitization era https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12635 <p>In educational contexts, a careful space planning where the training process takes place is indispensable because it promotes changes and innovation and inclusion processes. With the distance learning the design of educational contexts is even more important: online learning environments have peculiar characteristics and, therefore, a simple transposition of traditional practices into virtual environments is not possible.&nbsp;Teaching professionalism and initial and in service training on digital competence and on the inclusion of pupils in virtual educational spaces are fundamental.&nbsp;Therefore, in this article we reflect on the characteristics of the physical and virtual educational spaces and on the role of the teacher in the new educational scenarios.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Dagli spazi educativi fisici all’aula virtuale: il ruolo del docente nell’era della digitalizzazione.</h3> <p>Nei contesti educativi, è indispensabile un’attenta progettazione dello spazio in cui si realizza il processo di insegnamento-apprendimento perché esso promuove cambiamenti e processi di innovazione e inclusione. Con la didattica a distanza, la progettazione dei contesti educativi è ancora più importante: gli ambienti di apprendimento online presentano caratteristiche peculiari e, pertanto, non è possibile una semplice trasposizione delle pratiche tradizionali negli ambienti virtuali. La professionalità docente e la formazione, iniziale e continua, sulle competenze digitali e sull’inclusione dei discenti negli spazi educativi virtuali sono fondamentali. Pertanto, in questo articolo riflettiamo sulle caratteristiche degli spazi educativi fisici e virtuali e sul ruolo del docente nei nuovi scenari educativi.</p> Rosanna Tammaro Deborah Gragnaniello Roberta Scarano Copyright (c) 2022 Rosanna Tammaro, Deborah Gragnaniello, Roberta Scarano https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 340 348 10.36253/form-12635 “Words in orbit”. The talk show and the debate as methodologies for teaching and learning science https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12125 <p>This article aims to present a media educational experiment entitled "Words in orbit". The project, which came across the pandemic crisis, aims to foster the acquisition, by pupils actively involved, of specific knowledge in the astronomical field using the talk show as a methodology capable of stimulating an active construction - and love - of knowledge, and a genuine motivation to learn. The talk show, which is a format rooted in the logic of debate, has the necessary characteristics to promote in a fun and innovative way the argumentative and thinking skills, resorting to the use of the dynamics of role-playing and the implementation of discourse and discussion on educational and cultural themes.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>“Parole in orbita”. Il talk show ed il debate come metodologie per l’insegnamento e l’apprendimento delle scienze.</h3> <p>All’interno del presente articolo si intende presentare una sperimentazione media educativa dal titolo “Parole in orbita”. Il progetto, imbattutosi nella crisi pandemica, ha lo scopo di favorire l’acquisizione, da parte degli alunni attivamente coinvolti, di conoscenze specifiche in ambito astronomico, attraverso l’utilizzo del talk show come metodologia capace di stimolare la costruzione attiva del sapere, l’amore per la conoscenza ed una genuina motivazione all’apprendimento. Il talk show, essendo un format che affonda le radici all’interno della logica del debate, possiede le caratteristiche necessarie a promuovere in modo divertente ed innovativo la capacità di argomentazione e riflessione attraverso il ricorso alla dinamica del gioco di ruolo e l’implementazione di discorsi e discussioni a tema didattico e culturale.</p> Monica Virano Copyright (c) 2022 Monica Virano https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 349 357 10.36253/form-12125 A cultural challenge: renewing the mental space for an inclusive school https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12633 <p>This paper proposes a critical reflection about the need of transforming school into an inclusive environment, to promote personal enhancement and to enrich the collegial, social and cultural dimension. A short theoretical excursus, aimed at defining an open and autopoietic school system (Maturana &amp; Valera, 1985), preempts a description of the different tools used to design and evaluate an inclusive school. The purpose is to consider the impact that these instruments could have in terms of policies, practices and inclusive cultures (Booth &amp; Ainscow, 2002). The authors believe that inclusion is not a set of policies and practices, but a mental space, able to establish a culture shared by the different stakeholders of the school community.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Una sfida culturale: rinnovare lo spazio mentale per una scuola inclusiva.</h3> <p>Il contributo propone una riflessione critica di carattere espositivo rispetto all’urgenza di trasformare la scuola in un ambiente inclusivo, al fine di promuovere la valorizzazione personale e arricchire la dimensione collegiale, sociale e culturale. Dopo un breve excursus teorico, finalizzato alla definizione di un sistema formativo aperto e autopoietico (Maturana &amp; Valera, 1985), sono presentati i diversi strumenti utili alla progettazione e valutazione di una scuola inclusiva. Scopo della riflessione è considerare l’impatto che questi strumenti sono in grado di determinare in termini di politiche, prassi e culture inclusive (Booth &amp; Ainscow, 2002). Il presupposto alla base della riflessione degli autori è considerare l’inclusione non soltanto un insieme di politiche e pratiche, ma soprattutto uno spazio mentale, in grado di determinare una cultura diffusa e condivisa dai diversi stakeholder della comunità scolastica.</p> Concetta Ferrantino Maria Tiso Iolanda Sara Iannotta Copyright (c) 2022 Concetta Ferrantino, Maria Tiso, Iolanda Sara Iannotta https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 358 366 10.36253/form-12633 A game for everyone: learning with digital teaching and student skills https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12540 <p>Learning platforms are currently main organization models for digital and remote teaching. Researches have highlighted learning outcomes as a critical area during the health emergency, also partially due to low prepardeness of teachers for digital and distance teaching. Evidence Based Education informs that gamification can efficiently be implemented as a teaching methodology, using games to involve students in digital activities in an inclusive manner. In order to monitor the level of appreciation and to identify the more appropriate game models according to students’ literacy skills, a study was performed in Marche region (IT) in 2021 in two first year high school classes involved in gamificated learning activities. All students appreciated the games used, but different reasons for appreciation are reported according to student skills. The escape room and the quiz design were identified as the most inclusive instrument, but other strategies were referred as very useful for inclusion: the variation of the graphic elements and the use of no time limited games.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Un gioco di tutti e di ciascuno: l’apprendimento con la Didattica Digitale Integrata e le competenze degli studenti.</h3> <p>Le piattaforme didattiche oggi rappresentano un modello di organizzazione dello spazio di lavoro irrinunciabile per gli interventi in DDI e DaD. Gli studi hanno individuato nei bassi risultati di apprendimento degli studenti una delle maggiori criticità del periodo della pandemia, in parte imputabile anche alla limitata capacità dei docenti di operare efficacemente a distanza attraverso strumenti digitali. In prospettiva Evidence Based, tra le metodologie ritenute più adeguate a conciliare l’efficacia didattica mediata dalla tecnologia e la dimensione inclusiva, figura la gamification, nelle sue varie declinazioni. È stato realizzato nel 2021 un monitoraggio su due classi prime di un liceo scientifico marchigiano, che hanno sperimentato un’attività integrata con elementi di gioco variamente caratterizzati, condotto con lo scopo di verificare il gradimento e individuare le modalità di giochi online più adatti a vari gruppi di studenti, distinti in base al livello di competenze nell’area alfabetico funzionale. La proposta didattica ha incontrato il gradimento di tutti, sebbene per distinte ragioni riferibili a diversi livelli di competenze. È inoltre emerso che è possibile individuare strategie, come la strutturazione su livelli e la progettazione di quiz, e modalità di gioco, senza limiti di tempo e con una variazione degli aspetti grafici, ampiamente inclusive.</p> Laura Ceccacci Copyright (c) 2022 Laura Ceccacci https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 367 376 10.36253/form-12540 Educational ecosystems: a research model applied in four Italian territories of the Tuscany Region https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12965 <p>The article presents the OLESchool research, which conducted a feasibility study aimed at the definition of an integrated learning ecosystem model in which the school system becomes the focus of an open learning environment. The research considered the criticalities, priorities and limitations related to the pandemic event, highlighting the resources and opportunities generated, and aimed to identify those success factors and criteria for building prototypes and hypotheses of expected results to be implemented at a subsequent stage. The research adopted a collaborative approach starting with the stakeholder engagement process. The research team applied a methodological design inspired by the Grounded Theory paradigm, studying the phenomenon holistically from different points of view with qualitative-quantitative parallel research phases and triangulation between researchers, theories, data and tools. The contribution presents the results, distinguished between output and outcome of the research.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Ecosistemi educativi: un modello di ricerca applicato in quattro territori della Toscana.</h3> <p>Il contributo presenta la ricerca <em>OLESchool </em>che ha visto la realizzazione di uno studio di fattibilità volto alla definizione di un modello di ecosistema formativo integrato dove il sistema scolastico diventa fulcro di un ambiente di apprendimento aperto. Sono state tenute in considerazione criticità, priorità e vincoli relativi all’evento pandemico, facendo emergere le risorse e le opportunità scaturite e puntando all’individuazione di quei fattori di successo e criteri di costruzione di prototipi e ipotesi di risultati attesi da implementare in una fase successiva. La ricerca ha seguito un approccio di tipo collaborativo a partire dal processo di <em>stakeholder engagement</em>. È stato adottato un disegno metodologico ispirato al paradigma della <em>Grounded Theory, </em>studiando il fenomeno in modo olistico da punti di vista differenti, con fasi di ricerca parallele quali-quantitative e trasversali di triangolazione tra ricercatori, teorie, dati e strumenti. Nel contributo sono presentati i risultati distinti tra <em>output</em> e <em>outcome</em> della ricerca.</p> Giovanna Del Gobbo Paolo Federighi Francesco De Maria Daniela Frison Glenda Galeotti Silvia Iossa Giorgia Pasquali Beatrice Spennato Copyright (c) 2022 Giovanna Del Gobbo, Paolo Federighi, Francesco De Maria, Daniela Frison, Glenda Galeotti, Silvia Iossa, Giorgia Pasquali, Beatrice Spennato https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 377 392 10.36253/form-12965 Qualify formative processes by promoting inclusive practices: the case of B. Pascal High school https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12566 <p>Promote inclusive processes by designing educational settings and activities seem to be confirmed as one of the most difficult challenges to which schools and teachers must respond. Encouraging the development, by all students, of engagement and skills useful for the future exercise of an active citizenship implies a broad commitment of teachers, as well as adequate mediation and co-planning skills of the specialized teacher. The contribution examines the results of a project conducted at the <em>B. Pascal</em> High school, based in Rome. Working with a class in which several students were supported by a specialized teacher, was focused the effectiveness that individual and small group reflection activities can have in enhancing communication and collaborative skills. The main evidence that emerged allow to highlight the effectiveness of the strategies used in promote an inclusive training experience.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Qualificare i processi formativi promuovendo pratiche inclusive: il caso dell’Istituto statale <em>B. Pascal</em>.</h3> <p>Predisporre setting educativi e progettare la didattica in modo da promuovere processi inclusivi sembrano confermarsi tra le sfide più ardue a cui le scuole e gli insegnanti devono rispondere. Favorire lo sviluppo, da parte di tutti gli studenti, dell’engagement e di competenze utili per il futuro esercizio di una cittadinanza attiva implica un ampio impegno degli insegnanti, nonché una adeguata capacità di mediazione e co-progettazione dell’insegnante specializzato. Il contributo approfondisce gli esiti di un percorso progettuale condotto presso l’Istituto statale <em>B. Pascal</em> di Roma. Nel lavorare con una classe in cui erano presenti più studenti affiancati dall’insegnante specializzato, l’attenzione è stata posta sull’efficacia che attività di riflessione individuale e di piccolo gruppo possono avere nel potenziamento delle capacità comunicative e collaborative. Le evidenze emerse consentono di evidenziare l’efficacia delle strategie utilizzate rispetto alla possibilità di predisporre un’esperienza formativa inclusiva.</p> Arianna Giuliani Copyright (c) 2022 Arianna Giuliani https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 393 407 10.36253/form-12566 The students’ voice https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12665 <p>This is a multi-level study in the field of intercultural education and refers to a project called “The voice of students”. The cases are action research projects developed with a group of primary school students. They participated in dialogical processes and shared leadership with their teachers. They co-designed projects, debated and became aware of critical issues related to cultural diversity in their educational communities. The aim of the research is to analyze participatory processes and associated changes in relation to intercultural education and relational structures that have emerged from students’ thoughts. From the data analysis it emerged that students’ personal changes, such as self-awareness and attention to others and relationships, group changes such as cohesion, as well as changes developed to other actors: teachers, other students they have created relationships of collaboration, solidarity, and mutual recognition. There were visible changes during the busiest time of the projects, but sometimes the effects continued and deepened thereafter. This underlines the importance of participatory projects of children engaged in intercultural processes and change.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>La voce degli studenti.</h3> <p>Il presente contributo presenta uno studio a più livelli nel campo dell’educazione interculturale e fa riferimento a un progetto denominato “La voce degli studenti”. I casi sono progetti di ricerca-azione sviluppati con un gruppo di studenti della scuola primaria. Hanno partecipato a processi dialogici e hanno condiviso la leadership con i loro insegnanti. Hanno co-progettato progetti, dibattuto e preso coscienza di questioni critiche legate alla diversità culturale nelle loro comunità educative. Lo scopo della ricerca è analizzare i processi partecipativi e i cambiamenti associati in relazione all’educazione interculturale e alle strutture relazionali emerse dai pensieri degli studenti. Dall’analisi dei dati è merso che i cambiamenti personali degli studenti, come la consapevolezza di sé e l’attenzione agli altri e alle relazioni, i cambiamenti di gruppo come la coesione, così come i cambiamenti estesi ad altri attori: insegnanti, altri studenti, hanno creato relazioni di collaborazione, solidarietà e riconoscimento reciproco. Ci sono stati cambiamenti visibili durante il periodo più attivo in cui si sono svolti i progetti, ma a volte gli effetti sono continuati e si sono approfonditi in seguito. Ciò sottolinea l’importanza dei progetti partecipativi dei bambini impegnati nei processi interculturali e nel cambiamento.</p> Immacolata Brunetti Copyright (c) 2022 Immacolata Brunetti https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 408 421 10.36253/form-12665 Digital resilient narratives. Pedagogic gender frailties crossing time and space in emergency https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/12608 <p>In times of crisis, vulnerable groups face more challenges and experience a greater sense of exclusion, due to being separated from positive relationships, caregivers, supporters. A challenge that many women face is having multiple identities as mothers, workers, wives, caregivers. However, fragility can become the wheel of positive change if well supported by technologies and appropriate educational strategies. We know how narratives can serve to hold all these identities together, creating a digital space, where everyone can recognize similar stories or share their own. This article proposes a theoretical reflection on gender frailties during the time of the pandemic, and reflects on spaces and time which generate digital resilient narratives.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Narrazioni digitali resilienti. Le fragilità educative al femminile attraversano spazi e tempi dell’emergenza.</h3> <p>In tempo di crisi, i gruppi vulnerabili devono affrontare più sfide e vivere di più la dimensione dell'esclusione, lontani da relazioni positive, caregivers, sostenitori. Tra loro, le donne si trovano a dover agire con le loro molteplici identità di madri, lavoratrici, mogli, caregivers. Tuttavia, la fragilità può essere riscattata se supportata da tecnologie e strategie educative e formative adeguate. Soprattutto sappiamo come le narrazioni condivise anche digitalmente creino uno spazio dove ognuno può riconoscere storie simili o condividerne una propria. Questo articolo propone una riflessione teoretica sulle fragilità attraverso uno sguardo di genere durante il periodo della pandemia, riflettendo su spazi e tempi che generano narrazioni resilienti digitali.</p> Patrizia Garista Cristina Coccimiglio Copyright (c) 2022 Patrizia Garista, Cristina Coccimiglio https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 2022-04-30 2022-04-30 22 1 422 430 10.36253/form-12608