Form@re - Open Journal per la formazione in rete https://oaj.fupress.net/index.php/formare <p><em>Form@re</em> è un periodico quadrimestrale che si propone di raccogliere&nbsp;ricerche ed esperienze didattiche, in particolare sui seguenti&nbsp;argomenti: ricerca educativa fondata su evidenza, principi e metodi&nbsp;dell’'istruzione, innovazione della scuola, tecnologie&nbsp;nell’'insegnamento e apprendimento, media education, didattica e inclusione, didattiche disciplinari, competenze di base e trasversali,&nbsp;e-learning, knowledge management, lifelong learning.</p> <p>Nel 2013 <em>Form@re</em> è stato ceduto dalla casa editrice Erickson al&nbsp;Dipartimento di Scienze della Formazione e Psicologia dell’Università&nbsp;di Firenze.<br><em>Form@re</em> è rivista scientifica di Classe A per il settore concorsuale 11/D2, secondo la classificazione ANVUR.</p> en-US <p><a href="https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0/" target="_blank" rel="license noopener"><img src="//i.creativecommons.org/l/by-nc-nd/4.0/88x31.png" alt="Creative Commons License"></a></p> <p>This work is licensed under a <a href="https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0/" target="_blank" rel="license noopener">Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License</a>.</p> paolo.federighi@unifi.it (Paolo Federighi) alessandro.pierno@unifi.it (Alessandro Pierno) Fri, 30 Apr 2021 00:00:00 +0000 OJS 3.1.2.4 http://blogs.law.harvard.edu/tech/rss 60 Competencies of specialized support teacher for pupils and students with disabilities https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10831 <h3>Competenze dell’insegnante specializzato per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità</h3> Antonella Valenti, Rossana Adele Rossi Copyright (c) 2021 Antonella Valenti, Rossana Adele Rossi https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10831 Fri, 30 Apr 2021 00:00:00 +0000 Competencies of inclusive teachers. Reflections on initial teacher training between expectations and proofs https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10463 <p>The theme of support teachers’ competencies&nbsp;continues to be one of the issue still debated when school is intended as a vector for promoting inclusive processes. In line with this debate, the authors of this paper – after a brief reflection on the issue – discuss some data relating to the expectations of a group of trainees attending the 5th cycle of Specialization for support teaching. In particular, trainees were asked which competencies they expect to acquire during the training course in order to increase their professionalism and become inclusive teachers.&nbsp;As indicated in the paper, among these competencies emerge the management ones and those relating to teaching methodologies which, according to trainees, must be flexible and creative. Not surprisingly, their responses highlight that the acquisition of specific skills – which aim at promoting inclusion – is the main motivation that led them to attend the course, despite many of them have already being teachers for some time.&nbsp;</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Le competenze dell’insegnante inclusivo. Riflessioni sulla formazione iniziale tra aspettative e conferme</h3> <p>Il tema delle competenze dei docenti specializzati per il sostegno continua ad essere uno dei nodi intorno al quale ruota il dibattito sulla scuola come vettore per promuovere processi inclusivi. Nel solco di questo dibattito, gli autori del presente contributo, dopo una breve riflessione sulla questione, presentano alcuni dati relativi alle aspettative che i corsisti del V ciclo di Specializzazione per il sostegno esprimono circa le competenze che si attendono di acquisire durante il percorso formativo al fine di accrescere la propria professionalità e divenire docenti inclusivi. Come indicato nell’articolo, tra queste emergono quelle gestionali e quelle relative alle metodologie didattiche che a loro dire devono essere flessibili e creative. Non a caso, emerge chiaramente dalle loro risposte che l’acquisizione di competenze specifiche mirate a favorire l’inclusione è la motivazione principale che li ha spinti a frequentare il corso, pur essendo molti di loro già insegnanti di scuola da diverso tempo.</p> Fabio Bocci, Ines Guerini, Alessia Travaglini Copyright (c) 2021 Fabio Bocci, Ines Guerini, Alessia Travaglini https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10463 Fri, 30 Apr 2021 00:00:00 +0000 Training of specialized teachers and individualized educational planning: a research on perceptions https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10435 <p>The following paper is intended to conduct a reflection on the perception of teachers attending the specialization course for educational support activities for students with disabilities at the University of Macerata and the European University of Rome. In particular, the study presents an analysis of the perceptions on incoming skills of 54 teachers in training for specialization in preschools with the aim to highlight the topic of individualized educational planning, in relation to the recent ministerial changes relating to the new Individual Educational Plan (IEP) and to the dimensions connected to curricular teaching planning.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Formazione degli insegnanti specializzati e progettazione educativa individualizzata: una ricerca sulle percezioni</h3> <p>Il seguente contributo ha lo scopo di condurre una riflessione sulla percezione dei docenti frequentanti il corso di specializzazione per le attività di sostegno didattico agli alunni e alle alunne con disabilità presso l’Università degli Studi di Macerata e l’Università Europea di Roma. In particolar modo, lo studio presenta un’analisi delle percezioni sulle competenze in entrata di 54 docenti in formazione per la specializzazione nelle scuole dell’infanzia rispetto ai temi della progettazione educativa individualizzata, in relazione ai recenti cambiamenti ministeriali relativi al nuovo Piano Educativo Individualizzato (PEI) e alle dimensioni connesse alla progettazione didattica curricolare.</p> Gianluca Amatori, Noemi Del Bianco, Simone Aparecida Capellini, Catia Giaconi Copyright (c) 2021 Gianluca Amatori, Noemi Del Bianco, Simone Aparecida Capellini, Catia Giaconi https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10435 Fri, 30 Apr 2021 20:10:40 +0000 For training based on attitudes: reflective competence as an inclusive possibility https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10436 <p>The goal of this piece is to bring the findings of a research about curricular teacher’s and curricular support teacher’s attitude with students with intellectual disabilities (ID). The results underline the central role of reflective competence to work on the implicits and social knowledge that affect the whole world of disability.&nbsp;The following evidences invite to make the most of laboratory and indirect internship experiences, in the initial training, with the aim of promoting a mature self-awareness, essential to build authentically inclusive contexts.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Per una formazione a partire dagli atteggiamenti: la competenza riflessiva come possibilità inclusiva</h3> <p>L’obiettivo di questo contributo è quello di portare i risultati di una ricerca sugli atteggiamenti degli insegnanti curriculari e curriculari di sostegno rispetto agli studenti con disabilità intellettiva (DI). I risultati sottolineano la centralità della competenza riflessiva per lavorare sugli impliciti e sulle conoscenze sociali che riguardano tutto il mondo della disabilità. Le seguenti evidenze invitano a valorizzare maggiormente le esperienze laboratoriali e di tirocinio indiretto, nel percorso di formazione iniziale, con lo scopo di promuovere una autoconsapevolezza di sé matura, essenziale per poter costruire contesti autenticamente inclusivi.</p> Moira Sannipoli, Cristina Gaggioli Copyright (c) 2021 Moira Sannipoli, Cristina Gaggioli https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10436 Fri, 30 Apr 2021 20:18:42 +0000 The motivation and education of future support teachers in a post-pandemic scenario https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10303 <p>The contemporary political, economic and social metamorphosis that inevitably will lead to a rise in special educational needs during the post-Covid phase, directly influence educational policies and lead to reflect on new factors in the implementation of training courses for learning support teachers. Studies highlight that teacher education promotes the acquisition of knowledge and intervenes in the motivation of the future teacher, important elements to react in a resilient and sustainable manner to the unpredictability of future scenarios. On the basis of these preconditions, the present work aims at validating the FIT-CHOICE scale and detecting the factors that may influence the motivation to undertake the career as a support teacher. The Confirmatory Factor Analysis of the Italian version of the scale showed good psychometric capabilities both for detecting factors that affect motivation to become a teacher and for further comparative investigation with other tools.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>La motivazione e la formazione dei futuri docenti di sostegno in uno scenario post-pandemico</h3> <p>L’attuale metamorfosi politica, economica e sociale e i bisogni educativi che emergeranno nella fase post-Covid porteranno inevitabilmente a ripensare le politiche educative e a considerare nuovi fattori nell’implementazione dei percorsi di formazione per i docenti specializzati. In letteratura, si evidenzia come la formazione favorisca l’acquisizione di conoscenze e intervenga sulla motivazione del futuro docente, elementi importanti per re-agire in modo resiliente e sostenibile all’imprevedibilità degli scenari futuri. Partendo da tali premesse, il presente lavoro si pone l’obiettivo di validare la scala FIT-CHOICE volta a rilevare i fattori che incidono sulla motivazione a intraprendere la professione del docente di sostegno. Dall’Analisi Fattoriale Confermativa, la versione italiana della scala ha mostrato buone capacità psicometriche sia per rilevare i fattori che incidono sulla motivazione sia per ulteriori indagini comparative che prevedono l’utilizzo di altri strumenti.</p> Ilaria Viola, Emanuela Zappalà, Paola Aiello Copyright (c) 2021 Ilaria Viola, Emanuela Zappalà, Paola Aiello https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10303 Fri, 30 Apr 2021 20:26:01 +0000 Belief system of the specialised teachers for students with disabilities. A survey conducted at the University of Calabria https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10655 <p>The teacher specialization for special educational needs, institutes in Italy with D.M. n. 249 of 10 September 2010, represent the place where teaching professionalism is built and structured in an inclusive perspective. The decree of 30 September 2011 defines the incoming skills that aspiring teachers specializing in support must possess. Based on these considerations, the objective of this contribution is to verify the correspondence between some skills required upon entry and those actually possessed by the students enrolled in the specialization courses for the didactic support activities to students with disabilities at the University of Calabria. In particular, we investigated the complex system of professional and social opinions and attitudes towards disability and inclusion possessed by the future support teachers at the beginning of the training course.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Sistema di credenze dei futuri insegnanti di sostegno. Un’indagine condotta presso l’Università della Calabria</h3> <p>I corsi di specializzazione per il sostegno, istituti in Italia con D.M. n. 249 del 10 settembre 2010, rappresentano il luogo nel quale la professionalità docente viene costruita e strutturata in una prospettiva inclusiva. Nel Decreto del 30 settembre 2011 si definiscono le competenze in entrata che gli aspiranti docenti specializzati per il sostegno devono possedere. Sulla base di queste considerazioni, l’obiettivo del presente contributo è quello di verificare la corrispondenza tra alcune competenze richieste in entrata e quelle effettivamente possedute dai corsisti iscritti ai percorsi di specializzazione al sostegno presso l’Università della Calabria. In particolare, è stato indagato il complesso sistema di opinioni e atteggiamenti nei confronti della disabilità e dell’inclusione posseduto dai futuri docenti specializzati sul sostegno all’inizio del percorso formativo.</p> Lorena Montesano, Alessandra Straniero, Antonella Valenti Copyright (c) 2021 Lorena Montesano, Alessandra Staniero, Antonella Valenti https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10655 Fri, 30 Apr 2021 20:34:09 +0000 Inclusive didactic and entry competence of teachers enrolled in the Support Specialization Course. Results of an exploratory survey https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10441 <p>The paper presents the results of a survey carried out with the teachers of the four school orders enrolled in the 2019-2020 academic year in the fifth cycle of the TFA Support Course organized by the Department of Education of the University of Genoa. The purpose of the survey was to detect information: (1) on the students’ input knowledge about the skills that outline the profile of the specialized teacher for support activities and (2) on their perception of proximity to the skills investigated. The results obtained were compared with those of a survey of the same type conducted in the years 2013/2014. This made it possible to draw initial observations on the evolution of the idea of inclusive teaching with which teachers currently approach the specialization course for support activities.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Didattica inclusiva e competenze di ingresso degli insegnanti iscritti al Corso di specializzazione per il sostegno. Esiti di un’indagine esplorativa</h3> <p>Il contributo presenta gli esiti di un’indagine realizzata con gli insegnanti dei quattro ordini di scuola iscritti nell’anno accademico 2019-2020 al V ciclo del Corso TFA sostegno organizzato dal Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università di Genova. Lo scopo dell’indagine è stato quello di rilevare informazioni: (1) sulle conoscenze in ingresso dei corsisti circa le competenze che delineano il profilo dell’insegnante specializzato per le attività di sostegno e (2) sulla loro percezione di vicinanza alle competenze indagate. I risultati ottenuti sono stati comparati con quelli di un’indagine dello stesso tipo condotta negli anni 2013/2014. Questo ha consentito di trarre prime osservazioni sull’evoluzione dell’idea di didattica inclusiva con cui i docenti approcciano attualmente il corso di specializzazione per le attività di sostegno.</p> Valentina Pennazio, Franco Bochicchio Copyright (c) 2021 Valentina Pennazio, Franco Bochicchio https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10441 Fri, 30 Apr 2021 20:37:06 +0000 Professional competences of pre-service teachers: from the F2F to the online learning programme https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10429 <p>The COVID-19 pandemic has created significant challenges for the global higher education community: it has required faculty and students to respond to an unprecedented challenge and to shift suddenly from traditional face-to-face curriculum to distance learning formats through virtual classrooms. Some learning programmes, such as the TFA, had a strong theoretical-practical characterisation and were therefore delimited by regulations requiring full in-presence (F2F) and compulsory attendance. Due to the pandemic, the one-year teaching-learning programme for support teachers (TFA) followed the same path and was redesigned by universities for distance education. The re-design at the University of Macerata was based on pedagogical assumptions: technology was intended as a support to achieve learning outcomes. Our study aims to investigate perceptions of the theoretical and practical skills acquired from the F2F and the online format, considering a group of students enrolled for different school orders who followed both the current online programme and the previous years’ F2F programme.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Le competenze professionali del docente in formazione: dal corso in presenza al corso online</h3> <p>La&nbsp;pandemia da COVID-19 è stata una sfida per la comunità globale dell’istruzione superiore: ha richiesto a docenti e studenti di rispondere a una sfida senza precedenti, e di passare improvvisamente dal curriculum tradizionale in presenza a formati di apprendimento a distanza attraverso aule virtuali. Alcuni percorsi formativi, come il TFA, avevano una forte caratterizzazione teorico-pratica e per questo venivano regolamentati con normative che prevedevano la completa attivazione in presenza e la richiesta di una frequenza obbligatoria. A causa della pandemia, il programma di insegnamento-apprendimento annuale per gli insegnanti di sostegno (TFA) ha seguito lo stesso percorso ed è stato riprogettato dalle università per l’istruzione a distanza. La riprogettazione all’Università di Macerata si è basata su presupposti pedagogici: la tecnologia è stata intesa come supporto per raggiungere i risultati di apprendimento. La nostra indagine indaga le percezioni delle competenze teoriche e pratiche acquisite dal format in presenza e da quello online, considerando un gruppo di studenti che si è trovato nella condizione di seguire il corso attuale in online e quello degli anni precedenti in presenza.</p> Ilaria D'Angelo, Gigliola Paviotti, Catia Giaconi, Maria Beatriz Rodrigues Copyright (c) 2021 Ilaria D'Angelo, Gigliola Paviotti, Catia Giaconi, Maria Beatriz Rodrigues https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10429 Fri, 30 Apr 2021 20:47:48 +0000 Learning outcomes of specialization for support teachers: an evaluative comparison across universities https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10432 <p>This article describes the results of a comparative research involving 608 support teachers, 300 of whom specialized at the University of Sassari and 308 specialized at other 8 Italian universities. The survey, carried out through a questionnaire, sought to understand if and how much the university training received in ICT had an impact on DL (Distance Learning) teaching and ensured inclusive processes for pupils with SEN (Special Education Needs). What emerges from the research are both the opportunities that ICT can offer for the educational support and inclusion of children and young people with SEN, especially in emergency situations such as that of COVID-19 and, at the same time, the need for more targeted training in educational technology for all school personnel, in order to ensure educational processes that are adequate to meet both collective and individual needs.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>I learning outcomes della specializzazione per il sostegno: una comparazione valutativa tra atenei</h3> <p>Il presente articolo descrive i risultati di una ricerca comparativa che ha coinvolto 608 insegnanti di sostegno di cui 300 specializzati nell’Ateneo di Sassari e 308 in altri 8 atenei italiani. L’indagine, condotta mediante la somministrazione di un questionario, ha cercato di comprendere se e quanto la formazione universitaria ricevuta nelle TIC abbia avuto una ricaduta sull’insegnamento in DaD (Didattica a Distanza) e abbia garantito processi inclusivi per alunni con BES (Bisogni Educativi Speciali). Dalla ricerca emergono sia le opportunità che le TIC possono offrire per il supporto educativo e l’inclusione dei bambini e ragazzi con BES, soprattutto in situazioni di emergenza come quella del COVID-19, e al contempo la necessità di una formazione più mirata sulle tecnologie per la didattica per tutto il personale scolastico, per garantire processi educativi adeguati ai bisogni di tutti e di ciascuno.</p> Barbara Letteri, Giuseppe Filippo Dettori Copyright (c) 2021 Barbara Letteri, Giuseppe Filippo Dettori https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10432 Fri, 30 Apr 2021 20:53:16 +0000 A lifelong portfolio for the teaching profession https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10485 <p>The portfolio can be an effective device to support the professional growth of the teacher. Today there is no online portfolio with a similar rationale that can be used in the various moments of growth from initial teachers’ education to in-service training. The various experiences of the use of the portfolio proceed separately, with a certain fragmentation that makes it difficult to think in terms of lifelong learning. In this contribution, we describe the joint initiative of Indire and the Catholic University of the Sacred Heart and the University of Macerata, aimed at designing a device to encourage the reflexivity of the teachers, accompanying them throughout the phases of their career. In this paper we discuss the various models of teacher portfolios in order to begin the discussion on a model that can find continuity of experimentation and then application at the national level in the various stages of the teacher’s professional development.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Un portfolio lifelong per la professionalità docente</h3> <p>Il portfolio può costituire un dispositivo efficace per supportare la crescita professionale del docente. Oggi non esiste un portfolio online con una logica simile che possa essere utilizzato nei vari momenti della crescita dalla formazione iniziale universitaria a quella in servizio. Le varie esperienze d’ uso del portfolio per ora procedono separate, e ciò produce una certa frammentarietà che rende difficoltoso e artificioso ragionare in ottica di <em>lifelong learning</em>. Nel contributo descriviamo l’iniziativa congiunta di Indire e delle Università Cattolica del Sacro Cuore e dell’Università di Macerata, orientata a progettare un dispositivo per favorire la riflessività del docente accompagnandolo con continuità nelle fasi della propria carriera. In questo lavoro si discutono i vari modelli di portfolio docente per avviare la discussione su un modello che possa trovare continuità di sperimentazione e poi di applicazione a livello nazionale nei vari stadi dello sviluppo professionale del docente.</p> Margherita Di Stasio, Lorella Giannandrea, Patrizia Magnoler, Elena Mosa, Maria Chiara Pettenati, Pier Cesare Rivoltella, Pier Giuseppe Rossi, Anna Tancredi Copyright (c) 2021 Margherita Di Stasio, Lorella Giannandrea, Patrizia Magnoler, Elena Mosa, Maria Chiara Pettenati, Pier Cesare Rivoltella, Per Giuseppe Rossi, Anna Tancredi https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10485 Fri, 30 Apr 2021 21:00:48 +0000 The integration of technological, didactic and disciplinary skills in the initial training of support teachers https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10444 <p>This paper analyses training support teachers’ knowledge as described by the Technological Pedagogical Content Knowledge framework (TPCK) (Mishra &amp; Koehler, 2006) based on Shulman’s PCK (1986). Technological resources offer indisputable opportunities to teachers who want to renew the contents and strategies of their teaching and provide students with active learning processes; yet they offer some reflections about the methodologies used in support teacher training considering, among the other factors, the variety of qualifications that allow access to the training course. The results obtained with a sample of 1591 teachers enrolled in the support teacher specialization course, run by the University of Palermo, as well as the reflections related the TPACK, could allow to adapt the ICT courses to the real initial skills of the students, contributing to the training of support teachers able to use digital resources in an inclusive and effective way.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>L’integrazione delle competenze tecnologiche, didattiche e disciplinari nella formazione iniziale dei docenti di sostegno</h3> <p>Questo contributo focalizza l’attenzione sulle competenze dei docenti di sostegno in formazione iniziale così come vengono descritte nel framework del Technological Pedagogical Content Knowledge (TPCK) (Mishra &amp; Koehler, 2006), a partire dagli studi di Shulman (1986) sul PCK e intende offrire alcune riflessioni metodologiche sulla formazione dell’insegnante di sostegno considerando, tra altri fattori, l’eterogeneità dei titoli di studio che consentono l’accesso al percorso formativo. I risultati ottenuti con un campione di 1591 docenti iscritti al corso di specializzazione per il sostegno dell’Università degli Studi di Palermo e le riflessioni provenienti dal modello TPACK potrebbero consentire di adeguare i corsi relativi alle TIC alle reali competenze iniziali dei corsisti, contribuendo alla formazione di un insegnante di sostegno in grado di utilizzare in modo inclusivo ed efficace le risorse digitali.</p> Alessandra La Marca, Valeria Di Martino Copyright (c) 2021 Alessandra La Marca, Valeria Di Martino https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10444 Fri, 30 Apr 2021 21:04:51 +0000 A model of synchronous university distance learning: students’ perceptions https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10068 <p>The paper introduces a model of synchronous distance learning realized within the University context during the period of the Covid-19 pandemic. On the basis of the theoretical perspective of Total PACKage (TPCAK) (Thompson &amp; Mishra, 2007), the didactic model has been elaborated built upon the integration of course contents as well as the pedagogical principles of student-centered teaching, and the technologies that could best respond to the learning objectives so as to ensure the centrality of the learner. The aim of the study was to detect both the modality in which the theoretical perspective of TPCAK has influenced the model created, and the perceptions of a group of students on their experience of the synchronous distance learning model, collected through semi-structured interviews. The results present both the link between the TPCAK and the teaching design realized, and how the accurate integration of pedagogy, contents and technologies can be perceived by learners as an effective model for the promotion of learning.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Un modello di didattica universitaria sincrona: percezioni di studenti/esse</h3> <p>Il contributo presenta un modello di didattica a distanza sincrona realizzata in contesto universitario durante il periodo di pandemia di Covid-19. Sulla base della prospettiva teorica del Total PACKage (TPCAK) (Thompson &amp; Mishra, 2007) è stato elaborato il modello didattico costruito sull’integrazione dei contenuti del corso, dei principi pedagogici dello student-centered teaching e delle tecnologie che potessero meglio rispondere agli obiettivi di apprendimento e assicurare la centralità di chi apprende. Lo studio ha messo in luce come la teoria del TPCAK ha informato il modello realizzato, sia le percezioni di un gruppo di studenti/esse sul modello di didattica sincrona sperimentato ai/alle quali è stata rivolta un’intervista semistrutturata. I risultati descrivono sia i legami tra TPCAK e azione didattica realizzata, sia come l’integrazione accurata tra principi pedagogici, contenuti e uso costruttivo delle tecnologie possa essere percepito un modello da chi apprende come un modello efficace per la promozione dell’apprendimento.</p> Concetta Tino, Ambra Stefanini Copyright (c) 2021 Concetta Tino, Ambra Stefanini https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10068 Fri, 30 Apr 2021 21:11:45 +0000 The assessment of learning outcomes and core competencies of inclusive education teachers. A pilot study https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10451 <p>This paper presents the findings of a pilot study that involved the participants of the Specialization course for support activities, held at the University of Siena for the academic year 2018-2019. The study represents the first phase of broader research that aims to detect the impact of training devices in supporting the construction of a sense of self-efficacy and strengthening the professional identity of inclusive education teachers in training. The results of this exploratory survey highlight which training devices and practices allow to support the strengthening of the sense of individual and collective self-efficacy and how those impact on the development of the professional identity of inclusive education teachers.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>La valutazione dei learning outcomes e delle competenze core degli insegnanti di sostegno. Uno studio pilota</h3> <p>Il contributo presenta i risultati di uno studio pilota che ha coinvolto i candidati e le candidate del Corso di specializzazione su sostegno tenuto presso l’Università di Siena per l’a.a. 2018-2019. Lo studio rappresenta la prima fase di una ricerca più ampia che ha l’obiettivo di rilevare l’impatto dei dispositivi formativi nel supportare la costruzione del senso di autoefficacia e il rafforzamento dell’identità professionale di insegnanti di sostegno in formazione. I risultati di questa indagine esplorativa evidenziano quali dispositivi e pratiche formative consentono di sostenere il rafforzamento del senso di autoefficacia individuale e collettiva e come questo impatta sullo sviluppo dell’identità professionale degli insegnanti di sostegno.</p> Alessandra Romano, Marika Rullo, Rubina Petruccioli Copyright (c) 2021 Alessandra Romano, Marika Rullo, Rubina Petruccioli https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10451 Fri, 30 Apr 2021 21:18:51 +0000 Individualized educational planning ICF based. Testing and monitoring of the IEP-ICF UniSalento model https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10456 <p>In light of the regulatory provisions provided by the Implementing Decrees of the Law 107/2015, starting from the cultural revolution that the ICF proposes, educational institutions are called upon to reconsider the individualized planning provided for the safeguard of pupils with disabilities. In order to guide the teachers in the dialogue with the biopsychosocial perspective, the working group of the Center on New Technologies for Disability and Inclusion (CNTHI) of the University of Salento has launched a research and training path on the ICF-based Individualized Educational Planning. The outcome of the research is the formalization and subsequent testing of a IEP -ICF model. The paper describes the development phases of the model and presents the results of the experimentation and monitoring process implemented in some school institutions in the reference area.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Progettazione educativa individualizzata su base ICF. Sperimentazione e monitoraggio del modello PEI-ICF UniSalento</h3> <p>Alla luce delle disposizioni normative previste dai Decreti attuativi della L. 107/2015, le istituzioni scolastiche sono chiamate a ripensare la progettazione individualizzata a tutela dell’alunno con disabilità a partire dalla rivoluzione culturale che l’ICF propone. Allo scopo di guidare i docenti nell’interlocuzione con la prospettiva bio-psico-sociale, il gruppo di lavoro del Centro sulle Nuove Tecnologie per la disabilità e l’Inclusione (CNTHI) dell’Università del Salento ha avviato un percorso di ricerca e di formazione sulla progettazione educativa individualizzata in chiave ICF, il cui esito è rappresentato dalla formalizzazione e dalla successiva sperimentazione di un modello PEI-ICF. Nel contributo sono descritte le fasi di elaborazione del modello e presentati i risultati del percorso di sperimentazione e di monitoraggio messo in atto in alcune istituzioni scolastiche del territorio.</p> Stefania Pinnelli, Andrea Fiorucci Copyright (c) 2021 Stefania Pinnelli, Andrea Fiorucci https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10456 Fri, 30 Apr 2021 00:00:00 +0000 Collaborative storytelling in distance education: a preliminary research with pre-school children https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10289 <p>Distance education was adopted in schools in many countries around the world as a result of the COVID-19 pandemic during 2020. Especially for pre-school children, distance education presents many critical issues, including children’s sense of isolation and poverty of interactions with peers. In order to overcome these limitations, it is necessary to think about how to redesign didactic activities normally carried out in class without penalizing the relational aspect. This research deals with collaborative storytelling, considered an important tool for the development of emotional, cognitive and social processes as well as a means for media literacy education in children aged 3-6. Specifically, the experiment aims to compare the use of three ways of collaboratively narrating fictional stories in asynchronous mode. Results show that when the children alternate in the roles of author/critic and coordinator/author, stories are more coherent in terms of relationship and continuality of story elements and children’s perception of positive interdependence is greater than in the co-author condition.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Lo storytelling collaborativo nell’educazione a distanza: una ricerca preliminare con bambini della scuola dell’infanzia</h3> <p>L'educazione a distanza a seguito della pandemia da Covid-19 del 2020 è stata adottata nelle scuole di molti stati. Specialmente per i bambini di età prescolare, questa modalità didattica presenta numerose criticità, fra le quali vengono segnalati il senso di isolamento dei bambini e la povertà delle interazioni fra pari. Al fine di ovviare a questi limiti è necessario pensare a come realizzare a distanza le attività didattiche normalmente svolte in presenza senza penalizzare l’aspetto relazionale. Nella presente ricerca viene affrontato il tema dello storytelling collaborativo, ritenuto un importante strumento di sviluppo per i bambini nella fascia di età 3-6 anni. Nello specifico, l'esperimento si propone di confrontare l’utilizzo di tre modalità alternative di costruire storie di fantasia in forma collaborativa a distanza in modalità asincrona. I risultati dimostrano che quando i bambini si alternano nei ruoli di autore/critico e di coordinatore/autore, le storie risultano più coerenti in termini di relazione e continuità fra gli elementi della storia e la percezione di interdipendenza positiva dei bambini cresce rispetto alla condizione in cui i bambini assumono il ruolo di co-autori della storia.</p> Silvia Gasparini Copyright (c) 2021 Silvia Gasparini https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10289 Fri, 30 Apr 2021 00:00:00 +0000 The training course for future support teachers. A study on the indirect internship at Milano-Bicocca University https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10453 <p>Acknowledging the importance of the Training Courses for Support Teachers (Ministerial Decree 30.09.2011) on the development of professional competences to foster an inclusive school system, it is necessary to monitor the quality of these training courses in the three main areas foreseen by the Ministerial Decree (lectures, internship and workshops). In this sense, this contribution is an opportunity to reflect on the effectiveness of the indirect internship organized at the University of Milan-Bicocca for future pre-school and primary school support teachers. For this purpose, 90 self-assessment rubrics – filled in by students coming from two different training paths – five years university degree and secondary school teaching diploma, will be described and analyzed, considering the entry and exit competences perceived by the students, as well as the improvements found in the different areas.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>La formazione dei docenti specializzati per il sostegno. Uno studio sul tirocinio indiretto all’Università Milano-Bicocca</h3> <p>Vista la significatività che i Corsi di Specializzazione per le attività di sostegno (D.M 30.09.2011) rappresentano nello sviluppo di competenze professionali volte a realizzare un sistema scolastico inclusivo, è opportuno monitorare la qualità dei percorsi formativi nei tre principali ambiti previsti dal decreto (insegnamenti, tirocinio e laboratori). Il presente contributo rappresenta, in questo senso, un’occasione per riflettere sull’efficacia del tirocinio indiretto organizzato presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca per i futuri insegnanti di sostegno della scuola dell’infanzia e primaria. Attraverso la compilazione – da parte di 90 studenti – di una rubrica di autovalutazione verranno descritte e analizzate le competenze in entrata e in uscita nonché i miglioramenti riscontrati nelle diverse aree nel gruppo di studenti, composto da laureati in Scienze della Formazione Primaria e studenti in possesso dell’abilitazione all’insegnamento conseguita presso gli Istituti Magistrali.</p> <p>Vista la significatività che i Corsi di Specializzazione per le attività di sostegno (D.M 30.09.2011) rappresentano nello sviluppo di competenze professionali volte a realizzare un sistema scolastico inclusivo, è opportuno monitorare la qualità dei percorsi formativi nei tre principali ambiti previsti dal decreto (insegnamenti, tirocinio e laboratori). Il presente contributo rappresenta, in questo senso, un'occasione per riflettere sull’efficacia del tirocinio indiretto organizzato presso l'Università xxxx per i futuri insegnanti di sostegno della scuola dell'infanzia e primaria. Attraverso la compilazione - da parte di 90 studenti - di una rubrica di autovalutazione verranno descritte e analizzate le competenze in entrata e in uscita nonché i miglioramenti riscontrati nelle diverse aree nel gruppo di studenti, composto da laureati in Scienze della Formazione Primaria e studenti in possesso dell’abilitazione all’insegnamento conseguita presso gli Istituti Magistrali.</p> Lilia Andrea Teruggi, Alessia Cinotti, Elisa Farina Copyright (c) 2021 Lilia Andrea Teruggi, Alessia Cinotti, Elisa Farina https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10453 Fri, 30 Apr 2021 21:40:54 +0000 Evaluating inclusive teacher competences: a systematic review within the training courses for special education specialization in Italy https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10417 <p>Teacher education is of primary importance in the creation of an equitable and inclusive school system, allowing teachers the opportunity to acquire the necessary skills to respond adequately to the different needs of all pupils. In Italy, in the context of training courses for the achievement of specialization for educational support activities for pupils with disabilities, different methods are used to evaluate the effectiveness of these courses and, in particular, the skills acquired at the end of the training. The aim of the work is to carry out a systematic review of the tools used, in Italy, to assess student skills at the end of the training course, as well as the competence profiles to which they refer. To this end, N=12 primary studies published in open access from 2011 to 2020 were taken into consideration. The descriptive summary obtained from the review can be useful for creating shared evaluation models and learning outcomes for teachers who specialize in the activities of didactic support.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Valutare le competenze del docente inclusivo: revisione sistematica nei corsi di specializzazione sul sostegno in Italia</h3> <p>La formazione degli insegnanti assume oggi una primaria importanza nella realizzazione di un sistema scolastico equo e inclusivo, consentendo ai docenti la possibilità di acquisire le necessarie competenze per rispondere in maniera congrua alle diverse esigenze di tutti gli alunni. In Italia, nell’ambito dei percorsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per l’attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità, differenti sono le modalità impiegate per valutare l’efficacia dei suddetti corsi e, in particolare, le competenze acquisite alla fine del percorso formativo. L’obiettivo del lavoro è dunque quello di delineare, mediante una revisione sistematica, un quadro comparativo degli strumenti utilizzati per valutare le competenze dei corsisti alla fine del percorso formativo, nonché i profili di competenza cui si riferiscono. A tal fine, sono stati presi in considerazione N=12 studi primari pubblicati in open access dal 2011 al 2020. La sintesi descrittiva ricavata dall’indagine può essere utile per realizzare modelli di valutazione e <em>learning outcomes</em> condivisi per i docenti che si specializzano nelle attività di sostegno didattico.</p> Marta De Angelis Copyright (c) 2021 Marta De Angelis https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10417 Fri, 30 Apr 2021 21:45:29 +0000 Initial teacher training and specialization for inclusive education: analysis of access qualifications and performances of course participants https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10438 <p>The research verified the correlations between initial teachers training and access to specialization courses focusing on the performance shown by trainees. The analyses were conducted by quasi-experimental <em>before and after</em> design with paired data collected on a sample of 178 participants. The results show significant differences in the performance of the selective tests of the specialization courses compared to the admission certificates of trainees. These differences concern in particular high school and university graduates and tend to reduce on the average of outcoming evaluations while maintaining significant deviations. The results also highlight the effectiveness of training for inclusive education. At the same time, the need for initial academic training that can guarantee ad hoc masters courses for the development of teachers’ competencies is increasingly pressing.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Formazione iniziale all’insegnamento e specializzazione sul sostegno: analisi sui titoli di accesso e i rendimenti dei corsisti</h3> <p>La ricerca ha verificato la sussistenza di correlazioni significative tra la formazione iniziale propedeutica all’insegnamento e quindi all’accesso ai corsi di specializzazione rispetto ai rendimenti mostrati dagli specializzandi. Le analisi sono state condotte attraverso un disegno quasi-sperimentale <em>prima-dopo</em> con dati appaiati raccolti su un campione di 178 partecipanti. I risultati mostrano differenze significative sui rendimenti delle prove selettive dei corsi di specializzazione rispetto ai titoli di accesso degli specializzandi. Tali differenze riguardano in particolare diplomati magistrali e laureati e tendono a ridursi sulle medie delle valutazioni in uscita pur mantenendo scarti significativi. I risultati evidenziano l’efficacia della formazione sul sostegno confermata dalle ulteriori analisi. Al contempo è sempre più insistente l’esigenza di una formazione iniziale accademica che possa garantire percorsi ad hoc per lo sviluppo delle competenze degli insegnanti.</p> Alessio Covelli, Marta Sánchez Utgé, Pasquale Moliterni Copyright (c) 2021 Alessio Covelli, Marta Sánchez Utgé, Pasquale Moliterni https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10438 Fri, 30 Apr 2021 21:50:06 +0000 Monitoring and evaluating the specialization for support teachers in a perspective of improvement https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10439 <p>The initial training for support teachers is an essential factor in promoting the quality of inclusive processes in schools of different types and levels. The Specialization Course for Support Teacher, established by the D.M. 30.09.2011, is a training course whose effectiveness must be systematically monitored and evaluated in order to progressively increase its quality. In this sense, the paper presents the evaluation system developed and tested in the fourth edition (2018-19) course, highlighting its usefulness for the purpose of redesigning and improving it.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Monitorare e valutare la formazione degli insegnanti di sostegno in una prospettiva di miglioramento</h3> <p>La formazione iniziale degli insegnanti specializzati per le attività di sostegno didattico agli alunni con disabilità rappresenta un fattore essenziale per promuovere la qualità dei processi inclusivi nelle scuole di differente ordine e grado. I Corsi di Specializzazione per il Sostegno istituiti dal D.M. 30.09.2011 costituiscono dunque un percorso formativo di cui è necessario monitorare e valutare sistematicamente l’efficacia per incrementarne progressivamente la qualità. In questo senso il contributo presenta l’impianto valutativo elaborato e sperimentato nella quarta edizione del corso del 2018-19, evidenziandone l’utilità al fine della riprogettazione e del miglioramento del percorso.</p> Antonio Gariboldi, Maja Antonietti, Chiara Bertolini, Andrea Pintus, Antonella Pugnaghi Copyright (c) 2021 Antonio Gariboldi, Maja Antonietti, Chiara Bertolini, Andrea Pintus, Antonella Pugnaghi https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10439 Fri, 30 Apr 2021 21:51:44 +0000 The role of the traineeship mentor in the undergraduate education of the support teacher https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10433 <p>This contribution, of theoretical nature, proposes some ideas about the practical traineeship of the support teacher, as <em>situational learning</em>, included in a path of university specialization that aims to expand knowledge and cultural and professional skills, in an inclusive perspective, promoting generative learning through the opportunity of a fertile experience born from the virtuous interweaving between university and school. In this context, it becomes essential the competent role of the traineeship mentor in the initial training of the support teacher, inevitably influenced by the unexpected and dramatic historical event of the Covid-19 pandemic, the cause of complex problems and current socio-educational emergencies.</p> <p>&nbsp;</p> <h3>Il ruolo del tutor di tirocinio nella formazione universitaria del docente specializzato</h3> <p>Il presente contributo, di carattere teorico, propone alcuni spunti di riflessione in ordine al tirocinio del docente di sostegno, come <em>apprendimento in situazione</em>, inserito in un percorso di specializzazione universitaria che mira ad espandere conoscenze e competenze culturali e professionali, in prospettiva inclusiva, promuovendo l’apprendimento generativo tramite l’opportunità di una fertile esperienza nata dall’intreccio virtuoso tra università e scuola. In tale contesto, diventa imprescindibile il competente ruolo del tutor di tirocinio nella formazione iniziale dell’insegnante specializzato, inevitabilmente influenzata dell’imprevisto e drammatico evento storico mondiale della pandemia da Covid-19 causa scatenante di complesse problematiche e emergenze socio-educative attuali.</p> Mirca Montanari, Giorgia Ruzzante Copyright (c) 2021 Mirca Montanari, Giorgia Ruzzante https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0 https://oaj.fupress.net/index.php/formare/article/view/10433 Fri, 30 Apr 2021 21:55:50 +0000