Issue Description

L’ interrogativo se nell’educazione e nell’ istruzione sia meglio andare piano oppure forte — si deve guardare al passato, al presente oppure al futuro: conservare, assumere o magari anticipare ? — è presente non da oggi nelle riflessioni e nelle delineazioni pedagogiche, determinando la formazione di opposte opinioni e il costituirsi di alternativi schieramenti di «tradizionalisti », «presentisti» e «futuristi».
Questa dislocazione teorica e progettuale appare ora alquanto rinverdita proprio in relazione alle realtà, alle prospettive e alle implicazioni formative dei new media.
Ma non c’ è solo questo: vediamo.

##issue.tableOfContents##

Editorial

Cesare Scurati
1-4
View All Issues