Vol. 19 No. 1 (2021): Landscape design & COVID-19. Progettare per la natura
Segregazione: silenzio, parla la natura

Prospettiva e rifugio nella pandemia, ovvero il paesaggio visto come uccelli

Fabio Di Carlo
Sapienza Università di Roma | Facoltà di Architettura
Published July 26, 2021
How to Cite
Di Carlo, F. (2021). Prospettiva e rifugio nella pandemia, ovvero il paesaggio visto come uccelli. Ri-Vista. Research for Landscape Architecture, 19(1), 50-63. https://doi.org/10.36253/rv-10323

Abstract

Se ogni attività progettuale presuppone un quadro di riferimento -stabile o di previsione e visione- nel quale inscrivere ogni prefigurazione, lo stato di conoscenze e mutazioni sul futuro post-pandemico non è chiaro, né lo sono le necessità e i processi utili per affrontarle. Anche rispetto al ruolo del progetto di paesaggio è possibile organizzare solo risposte parziali e transitorie, che sono forse più prese di coscienza che figurazioni, o che possono essere parte di un ragionamento che pone nuovi e diversi elementi di orientamento. Nella convinzione che questa fase non possa essere trattata né con strumenti consolidati, né con un processo unitario, questo scritto è volutamente frammentario. È quasi una raccolta non ordinata di riflessioni su alcuni aspetti che pongono in relazione il lavoro sul progetto di paesaggio con l’attuale condizione. Qui paesaggio e giardino sono visti come condizioni di prospettiva e rifugio, secondo la teoria di Jay Appleton sull’esperienza del paesaggio, che ci è utile come riferimento.

Metrics

Metrics Loading ...